Save the date: 3 ottobre 2013 a Pistoia si parla di Shackleton!

27/09/2013 § 3 commenti

Con un certo ritardo segnalo questa conferenza dove sarò relatore:

Leadership e gestione dei team di progetto: la lezione di Sir Ernest Shackleton

Giocare a pallone sul ghiaccio - Shackleton

Nelle tre ore presenterò l’avventura occorsa alla spedizione antartica “Endurance” comandata dall’esploratore britannico Sir Ernest Shackleton nel 1914 , L’impresa è anche nota come il più  grande progetto di insuccesso di tutti i tempi.

L’immagine qui a fianco vi fa capire subito l’eccezionalità del team e del loro leader, dopo 6 mesi dalla partenza dall’inghilterra e da un mese bloccati nei ghiacci, con la prospettiva di rimanerci un altro anno almeno, sono così preoccupati che fanno una partitella a pallone!

Il breve seminario, organizzato in collaborazione con il Project Management Institute – Northern Italy Chapter, si terrà dalle 15 alle 18 presso la sala Incontri dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Pistoia (Via Sant’Andrea, 16) e vedrà il patrocinio, oltre che del comune, della CNA Pistoiese e della sezione Fiorentina della Bocconi Alumni Association. L’evento è gratuito e da diritto a 3 PDU per le persone certificate PMI, per iscriversi è necessario andare sul sito pmi-nic.org e andare nella sezione “I prossimi incontri”.

Qui trovate la brochure dell’evento

Leadership e gestione dei team di progetto

Viaggio Esperienziale “Le vie del lago”

04/03/2013 § Lascia un commento

Un breve post “di servizio” per segnalare un’iniziativa divulgativa sulla formazione esperienziale. Un’ottima occasione per affacciarsi su questo mondo con un budget davvero ridottissimo, grazie all’opportunità offerta da un percorso di studio che stanno facendo i due Trainer che conducono l’evento.

Questa la descrizione dell’iniziativa, ripresa dalla pagina FB:

I formatori Beatrice Monticelli e Federico Magnaguagno conducono questo workshop sullo sviluppo personale, dove lavoreremo su leadership, intelligenza emotiva e problem solving. Il lago di Garda farà da sfondo mentre le montagne trentine, venete e lombarde, che ne circondano la zona a nord, saranno la cornice di un trekking esperienziale in cui conoscere ciò che è fuori diventerà occasione per conoscerci dentro. 
Ci piace chiamarlo “walkshop”, ricordando le parole di un formatore da noi molto stimato, perché il camminare sarà la metafora formativa che guiderà il nostro lavoro.

Conosco personalmente Bea e Federico, sono due ottimi formatori. Se avete qualche giorno e avete la voglia di conoscervi un po’ meglio stando a contatto con altre persone e con la natura, questa è l’occasione ideale.

Qui trovate anche la brochure dell’evento. Buona Esperienza 🙂

Presentiamo la Formazione Esperienziale

25/05/2011 § 2 commenti

Poco tempo fa io e l’amico Lapo Baglini siamo stati ospiti di un’agenzia formativa di Firenze dove abbiamo presentato la metodologia della formazione esperienziale ad un gruppo di responsabili sia delle risorse umane che di altre aree (non umane?).

Questa è la presentazione che ci ha accompagnato nella prima parte della mattinata. La seconda parte della mattinata è stata, ovviamente, molto più esperienziale 🙂

La presentazione ha avuto un buon riscontro (fortunatamente ;-)) e spero che possa aiutare nuove aziende a prendere confidenza con una metodologia troppe volte male utilizzata e spesso fraintesa (“ah… la formazione sperimentale?” mi son ssentito dire poco tempo fa da un responsabile HR…). La condivido qui sperando che possa aiutare altri a conoscerla.

Se avete qualche domanda sulla presentazione (e sulla metodologia), vi invito caldamente a postarla qui sotto. Ma questo, come direbbe un mio vecchio amico, ça va sans dire

L’Antica Innovazione: le Arti Marziali per aumentare la performance in Azienda

08/03/2011 § Lascia un commento

Segnalo con molto piacere questa presentazione creata da Vincenzo Mariano, Pietro Martoccia e Massimiliano Sinisgalli, studenti della Facoltà di Economia all’Università della Basilicata. La presentazione è stata portata come project work al corso di Gestione dei Progetti tenuto dal professor Giovanni Schiuma, Professore di Innovazione e Knowledge Management all’Università della Basilicata nonché Visiting Professor alla University of Cambridge.

Il lavoro ipotizza un possibile scenario applicativo per le Arti Marziali come strumento per il miglioramento delle performance in Azienda attraverso un progetto della durata di circa 6 mesi.

Questa la presentazione:

Sarebbe bello trovare un’azienda disposta da fare da Tester per l’iniziativa, magari con il coinvolgimento dell’università della Basilicata. Se qualcuno fosse interessato all’idea, mi faccia sapere.

Un ringraziamento da parte mia al gruppo di lavoro che ha preparato la presentazione.

il 2010 di “Formazione Marziale”, Mourinho vince anche qui!

03/01/2011 § Lascia un commento

Ho ricevuto questa “analisi statistica di alto livello” da WordPress.com e la ripubblico volentieri. Il rating complessivo attribuito a Formazione Marziale è “WOW” (proprio americano!), il che è per me, non lo nascondo, gratificante:Healthy blog!
The Blog-Health-o-Meter™ reads Wow.

Qualche numero

Jose Mourinho

Questa la riporto direttamente dalla mail: Un Boeing 747-400 può trasportare 416 passeggeri. Questo blog è stato visto circa 2,800 volte nel 2010. Il che fa circa 7  boing 747 pieni di visitatori…

Il giorno con più visite è stato il 5 novembre, giorno della pubblicazione del post Mourinho sulla gestione dello stress. 55 persone hanno visto il  blog in tale data. Anche qui, nostro malgrado, il calcio la fa da padrone 🙂

Quali sono i siti referenti principali?

Eccoli: linkedin.com, networkedblogs.com, plscoaching.it, nonsolobotte.blogspot.com (grazie Vivi!) e facebook.com.

Le principali attrazioni del 2010

Questi i post e le pagine con più visitatori nel 2010.

1

Mourinho sulla gestione dello stress November 2010
1 comment

2

Chi Sono April 2009

3

Project Management: la metafora della Maratona e quella del Pugno April 2010
4 comments

4

Arti Marziali e gestione dello “spazio” nei rapporti interpersonali January 2010
6 comments

5

Cos’è la Formazione Marziale? May 2009

Un grazie a tutti coloro che mi hanno seguito in quest’anno appena trascorso, con l’augurio che il prossimo sia per tutti speciale.

Walter

Lao Tzu, la Bocconi e l’importanza della formazione

02/12/2010 § 1 Commento

La saggezza orientale si incontra con il top della formazione manageriale italiana. E lo fa utilizzando un principio che mi è tanto caro:

“Se a un uomo dai un pesce, lo nutri per un giorno. Se gli insegni a pescare lo nutri per tutta la vita”.

Questa frase, attribuita al filosofo cinese Lao Tzu, si scontra con quanto spesso viene indicato da molti imprenditori: “Il tempo impiegato a formare i collaboratori è tempo perso (non è fatturabile)”.

A questo proposito, consiglio a tutti la lettura dell’ interessante articolo dal titolo “Imprenditori per avere successo ascoltate Lau Tzu” scritto da Thanos Papadimitriou e Brett Martin, rispettivamente SDA professor di produzione e tecnologia e imprenditore, apparso recentemente sul quotidiano della Bocconi “viasarfatti25.it“.

Questa la conclusione dell’articolo, a commento di un business case che consiglio caldamente di leggere: “Anche se si è il migliore in ogni campo, non significa che si debba fare tutto. Gli imprenditori che non riescono a modificare il loro stile manageriale da “esecutore” a “insegnante” non troveranno mai le risorse necessarie a cercare nuove opportunità.”

I due autori dell’articolo di cui sopra, curano anche, insieme ad altri, un blog da seguire http://www.chefsnotbakers.com/ e di cui riporto qui sotto il simpatico header:

Meditare, quando siamo sotto Stress, può aiutarci?

01/12/2010 § 1 Commento

In caso di stress...

La domanda è retorica, almeno dal mio punto di vista. E la risposta è, ovviamente, “SI”!

A tal proposito segnalo l’ articolo “Come meditare in situazioni stressanti” pubblicato sul blog “Formazione Spirituale”.
Per dovere di cronaca, non ci siamo messi d’accordo sul nome 😉

Personalmente trovo sia un blog interessante, dove di tanto in tanto traggo qualche bello spunto. Se passate di lì, dategli un occhio 🙂

Articoli Correlati

L’utilità delle corde alte nell’Outdoor Training

14/11/2010 § Lascia un commento

Segnalo la pubblicazione sul portale www.formazione-esperienziale.it del mio articolo sulle corde alte e il loro utilizzo nella formazione esperienziale outdoor. Lo scritto è stato riveduto e ampliato grazie anche alle osservazioni di alcuni colleghi.

Lo trovate qui:

http://www.formazione-esperienziale.it/catalog/images/corde_alte.pdf

 

Let My People Go Surfing: The Education of a Reluctant Businessman

21/04/2010 § 2 commenti

Se, parlando della metafora della maratona, avevo già detto che avrei fatto dei brevi excursus anche in altre metafore, questa volta mi spingo un po’ più in là. Lo sport è solo l’occasione per parlare di un libro, un libro di business e non di sport, che mi ha davvero colpito. Forse più che un libro di business è un libro di filosofia, ma questo spero che possiate verificarlo con i vostri occhi.

Prima però una breve premessa: affianco alle Arti Marziali, nella mia vita c’è una un’altra grande passione. Forse la più grande anche se decisamente la più complessa da gestire: il surf da onda.

La copertina del libro

Ogni volta che in libreria mi capita di vedere un libro che ritrae in copertina un surfista, mi cade inevitabilmente l’occhio.
Questa volta sono stato incuriosito ancor di più, dato che il libro in questione era nell’area “business” di una splendida libreria di Varese. Sul momento non ebbi il coraggio di comprarlo, ma tornato a casa mi era rimasto il tarlo, andai a fare un paio di ricerche in internet e alla fine lo comprai.

Il libro che mi aveva tanto colpito era lo stesso che dà ora il titolo a questo post: “Let My People Go Surfing: The Education of a Reluctant Businessman“, la biografia di Yvon Chouinard, fondatore di Patagonia. Che, fra l’altro, è lo stesso “vecchietto” ritratto nella foto di copertina del libro…

« Leggi il seguito di questo articolo »

Project Management: la metafora della Maratona e quella del Pugno

08/04/2010 § 5 commenti

E’ vero, solitamente parlo della metafora delle Arti Marziali, ma da qui in avanti, quando mi capiterà, proverò a segnalare altre metafore sportive (e non?) che coglieranno il mio interesse. Questo è il primo caso…

NYC Marathon - Courtesy of Randy Lemoine

Qualche giorno fa ho partecipato ad un webinar organizzato da Microsoft sul Project Management, disciplina di cui mi occupo sia come consulente che come formatore da svariati anni. Fra i vari spunti interessanti che ho trovato in tale seminario mi ha colpito in particolare la metafora fra Project Management e Maratona, dedicata in particolare alle virtù che accomunano il Project Manager e il Maratoneta:

  • Pazienza: allenamento duro e costante che porta risultati a lungo termine
  • Tenacia: capacità di sopportare la fatica, gli inevitabili alti e bassi della preparazione atletica, le sconfitte
  • Capacità di programmare oltre l’orizzonte temporale noto: la maratona ha un’orizzonte temporale molto lungo, che necessità di una pianificazione accurata e di un’utilizzo delle risorse ottimale. Pena l’arrivare esausti a metà gara e mollare il colpo.

Credo che il Project Management si presti molto bene a metafore sportive e che la Maratona sia una metafora particolarmente calzante…

« Leggi il seguito di questo articolo »

Consapevolezza attraverso il contatto fisico

09/02/2010 § 14 commenti

Lo scorso we, qui a Firenze, ho partecipato ad uno degli stage di aggiornamento periodici di Kung Fu T’ien Shu.
Uno dei momenti che ha caratterizzato le due giornate del raduno è stato quello della preparazione per i ragazzi dell’agonistica. Agonistica che io da tempo, sia per sopraggiunti limiti di età (falsità) che per carenza di legamenti sani (verità) ho abbandonato, per dedicarmi alla ricerca applicata e alla parte più tradizionale della disciplina.
In breve, dopo tanto tempo mi sono concesso anch’io uno di quegli allenamenti che mi facevano tanto godere anni fa e che ultimamente avevo, per vari motivi, tralasciato: un bella sessione di preparazione al combattimento, con tanto di guantoni pesanti, protezioni e  un po’ di lividi a fine giornata.
La cosa che mi premeva farvi vedere era la faccia del Maestro Carpanese (per me sempre Davide :-)) e la mia a temine allenamento:

il Maestro Carpanese e il sottoscritto durante un esercizio a coppia.

Due “ragazzini” (78 anni in due) che vanno avanti imperterriti, divertiti come bambini!

Questo per introdurre il contesto che ha dato il via alla riflessione, ma ovviamente non è questo il punto…

« Leggi il seguito di questo articolo »

Yoga in ufficio, per combattere lo stress e risparmiare denaro

02/02/2010 § 2 commenti

Segnalo l’articolo che da il titolo a questo post, apparso ieri su Manageronline e che indica un interessante svolta da parte di alcune aziende anche italiane: l’inserimento di pratiche meditative  durante l’orario di lavoro.
Io generalmente parlo di arti marziali, non di meditazione in senso stretto.
Questo non deve far dimenticare che la meditazione, sia essa in movimento come con il Taichi che più statica come il Qigong o lo Yoga di cui si parla nell’articolo, è e deve essere una parte essenziale della pratica di qualunque artista marziale. Lo sviluppo del Qi (o Chi) è importante quanto lo sviluppo della nostra mente o del nostro corpo, al fine di raggiungere un corretto equilibrio psico-fisico.
Mi fa molto piacere leggere che queste discipline stiano prendendo piede anche in Azienda, il benessere delle persone (dei dipendenti in questo caso) non potrà che trarne giovamento.

Il Taichi e la capacità di ascoltare

01/02/2010 § 1 Commento

Questo post solo per dare una veloce testimonianza.
Lo scorso fine settimana ho partecipato qui a Firenze ad un seminario tenuto dalla Maestra Thérèse Teo Mei Mei, allieva diretta di Yang Zhenduo, rappresentante ufficiale della famiglia Yang in Europa e fondatrice del centro Taiji e Quigong di Stoccolma.

Thérèse Teo Mei Mei col Maestro Yang Zhenduo

Thérèse Teo Mei Mei col Maestro Yang Zhenduo

Durante la pratica ho avuto modo, per l’ennesima volta, di esaltarmi per essere riuscito a rallentare i miei movimenti e i miei pensieri.
A fermarmi e ad ascoltare le mie sensazioni.
A fermarmi e ad ascoltare le sensazioni degli altri.
Il Taichi è davvero “ascolto”, qualcosa di cui c’è molto bisogno in qualunque contesto.
Grazie a tutti coloro che hanno condiviso con me quest’esperienza e grazie a Roberta e a tutti i membri dello Yang Chengfu Tai Chi Chuan Center di Firenze per averla organizzata.

Arti Marziali e altre discipline nel Coaching Aziendale: Case History

10/11/2009 § Lascia un commento

Segnalo questo interessante articolo di Lapo Baglini pubblicato su Psicolab la scorsa settimana, un case history di Coaching Aziendale e di Formazione Esperienziale, dove, fra le altre discipline, hanno trovato applicazione anche le Arti Marziali (con l’intervento del sottoscritto in qualità di Formatore). Riporto qui di seguito riporto alcuni passaggi significativi e rimando alla lettura dell’intero articolo per approfondimenti:

“…quando l’azienda si pone degli obiettivi [formativi] di più ampio respiro, quando non ci si ferma solo alle competenze tecniche ma si chiede alla propria organizzazione un balzo in avanti in termini di competenze relazionali e trasversali, ecco che l’azienda sta chiedendo di acquisire al proprio interno nuove idee, di imparare nuovi comportamenti. Il che è tanto più vero se si affrontano tematiche quali motivazione, team building, spirito di squadra, leadership. In una parola le declinazioni del coaching aziendale e del Team Coaching….

« Leggi il seguito di questo articolo »

Ginocchiate e Tui Shou al Festival della Creatività. Ci si sfoga e ci si rilassa…

31/10/2009 § Lascia un commento

E’ passato un po’ di tempo (proprio quel tempo che sembra non bastarci mai…) ma alla fine eccoci:
questo il video fatto al festival della creatività lo scorso 15 ottobre dove, dopo qualche placcaggio, una paio di touche ed una mischia di rugby “curate” da Lapo, Marcelo, Lorenzo e altri amici del Firenze Rugby 1931, ho fatto provare a qualche ignara passante la “liberazione” che si prova prendendo a ginocchiate qualcuno… Obiettivo: sfogare e conoscere la propria aggressività, saper controllare quella degli altri e focalizzarsi su un obiettivo preciso.
Tui Shou e Formazione Esperienziale al Festival della Creatività

Tui Shou e Formazione Esperienziale al Festival della Creatività

Poi, per rilassarci un po’ e parlare  di “negoziazione fisica”,  Tui Shou mutuato dal Taichi. E’ stato bellissimo vedere la modifica di atteggiamento del volontario nel breve lasso di tempo in cui abbiamo potuto praticare insieme.
Da una rigidità conflittuale ad una rilassatezza ricettiva. Proprio dove si voleva arrivare.

Dopo di me vedete Paolo in azione, con un esercizio di Team Building da veri equilibristi davvero interessante.

Questo il video:
Qui il link all’articolo completo su PLS Web, dove trovate, fra l’altro, tutti i video del nostro intervento
alla Fortezza.
Questo invece l’articolo di Lorenzo (da leggere :-)).
 
una menzione speciale va fatta Lapo (qui alcune sue note sull’evento), che con un sangue freddo fuori parametro è partito con una dissertazione sul team building, microfono alla mano, davanti ad un open space vuoto se non per qualche passante indifferente…
Dopo 5 minuti (e, ammetto, 3 rugbisti prestanti che si atteggiavano nei dintorni) si era raccolta una piccola folla (prevalentemente donne…) ad ascoltarlo. Un grande.

Formazione Marziale diventa “Mobile”

20/10/2009 § Lascia un commento

Grazie a Mofuse ora Formazione Marziale si può leggere anche con qualunque smartphone o oggetto simile.
Questo il QR Code da utilizzare con la telecamera del cellulare, se ha il software di riconoscimento Barcode a bordo:

Formazione Marziale Mobile

Formazione Marziale Mobile

Questo invece il link diretto al sito
http://formazionemarziale.mofuse.mobi/

Dove sono?

Stai esplorando gli archivi per la categoria Segnalazioni su Formazione Marziale.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: